© 2017 - Tutti i diritti riservati - Psicologo a Torino

  • Black Facebook Icon
  • Black LinkedIn Icon

10153, Torino

​​

Tel: +39 346 0387367

 

Michela Grimaudo - Una breve Storia
Percorso formativo
  • Psicoterapeuta ad Orientamento Psicoanalitico in Formazione - Centro di Psicoterapia ASL Città di Torino - 2018

  • Corso di Specializzazione in Psicoterapia Psicoanalitica Individuale dell’Adulto - Scuola di Psicoterapia Psicoanalitica (SPP) di Torino - 2017

  • Tirocinio professionalizzante di 1.000 ore continuative - Centro di Salute Mentale "Giulio Maccacaro" ASL TO2 di Torino - 2015

  • Laurea magistrale in Psicologia Clinica e di Comunità con votazione di 110 e Lode - Università degli Studi di Torino - 2015

  • Laurea triennale in Scienze e Tecniche Psicologiche - Università degli Studi "Gabriele d'Annunzio" di Chieti - 2013

  • Diploma di maturità Classica - Liceo Classico "G. Leopardi" di San Benedetto del Tronto - 2010

Abilitazioni
  • Abilitazione all'Eserizio della Professione e Iscrizione all'Ordine degli Psicologi del Piemonte - Licenza 8063 - Torino - 2016

Mi chiamo Michela Grimaudo, sono una Psicologa Clinica e di Comunità iscritta all’Ordine degli Psicologi del Piemonte. Il mio curriculum professionale è visibile di seguito, ma prima vorrei soffermarmi brevemente sulla mia Storia.

Da madre marchigiana e padre siciliano, cresciuta tra Marche, Abruzzo e Puglia, vivo e lavoro oggi nella meravigliosa città di Torino, sfondo della mia crescita personale e professionale.


Sono innamorata del sapere psicologico e del mio lavoro, ogni giorno amo la psicologia sempre di più grazie alle numerose e continue scoperte che mi arricchiscono. Leggo, studio, viaggio, mi confronto, mi meraviglio e mi sperimento, perché voglio conoscermi e conoscere il mondo.

 

Voglio scoprire, voglio vivere.

Tre possono essere le parole chiave che mi guidano nella pratica Psicologica:

  • Complessità (e non complicato!), che deriva dal latino "complector" e che significa "intrecciare", "abbracciare", "comprendere", "integrare" e aggiungerei anche legato alla capacità di tollerare la frustrazione, il dubbio, l'incertezza. Potremmo dire essere anche un modo di guardare. E' un paradigma epistemologico della contemporaneità psicologica e non, che sento particolarmente mio;

  • Sintonizzazione affettiva, prerequisito per la comprensione profonda e di un autentico cambiamento. Si lega con i concetti, per me esperienziali, di relazione e soggettività;

  • Meraviglia, la capacità di meravigliarsi, di essere un po' come bambini, che fa si che la nostra esperienza rimanga senza fiato e ci permetta di lasciare un'impronta viva nell'anima.